mercoledì 14 novembre 2012

Ricerca '90 e Roberto Busceti






Roberto Busceti ci fa sapere:"Il 27 novembre 2007 sono stato assolto dal tribunale di Milano, dopo altre assoluzioni giunte i precedenza a Monza e Lecco.Finisce così, spero, un inferno durato 2 anni e mezzo per false denunce (calunnie), con parziale distruzione dell'attività della Blue Diamond Publisher e della Libera facoltà di scienze antiche di Milano. Quest'ultima mantiene un nucleo ancora vivo che presto riattiverà il sito internet sequestrato a suo tempo".

Ne sono lieto, nonostante in passato il soggetto si produsse in una campagna diffamatoria, a mezzo lettere private a centinaia di persone, nei miei confronti: le cose sono assolutamente non in rapporto tra loro. Io posso non stimare Busceti sul piano umano, ma gioisco se, a seguito di una forte ingiustizia che lo colpì, egli è stato assolto. Credo che questo corrisponda a un elementare principio di civiltà e di democrazia che purtroppo molti non conoscono neanche per sentito dire.
L'acredine, pilotata quasi sempre da forti sentimenti di invidia, muove spesso le azioni più ignobili da parte di persone che fanno di tutto per apparire civili e democratiche nella vita di tutti i giorni.
Ma vogliamo davvero cancellare l'invidia e la cattiveria dalla faccia della Terra?
Secondo il mio parere possiamo, in tutta tranquillità, guardare al bello e al positivo che si riferiscono alla nostra meravigliosa disciplina e lasciare i poveri di spirito a declinare verso latitudini morali e professionali sempre più basse.
Dunque gioiamo assieme di questa vittoria della democrazia e cerchiamo di pensare in positivo.

Ciro Discepolo 28.11.2007

giovedì 8 novembre 2012

Polizia Postale


Osservazioni politematiche sulle ricerche Discepolo/Miele ° - 200 pagg., 1992. Contiene la relazione completa sulle ricerche Discepolo/Miele relative all’ereditarietà astrale, ricerche condotte su oltre 75.000 soggetti e che diedero risultati statisticamente significativi (secondo la relazione dei professori dell’Università che esaminarono il lavoro). Prefazione di André Barbault. Questo libro contiene una parte scritta anche in francese e in inglese. Fu premiato, in Belgio, come secondo migliore libro dell’anno. Va anche rammentato che questa ricerca statistica, condotta da Ciro Discepolo e da Luigi Miele su 75.000 soggetti fu poi esaminata, in tutte le sue fasi di impostazione generale, raccolta del campione, necessità di creare il gruppo di controllo random (senza del quale, a detta dei docenti universitari, professori di Statistica, che controllarono tutto il lavoro, la ricerca, in questo caso, sarebbe risultata completamente errata) e mancanza di errori di qualunque genere, da professori di Statistica dell'Università di Napoli. La ricerca ebbe un risultato altamente significativo e positivo dal punto di vista statistico e i Professori che ripeterono tutti i calcoli furono anche coautori del libro. A pagina 24 del libro si legge: "Lavoro Statistico (i calcoli e i risultati, non la critica cinematografica al film Umberto D, NdR) a cura del dr. Francesco Mola e del prof. Luigi D'Ambra del Dipartimento di Matematica e Statistica dell'Università di Napoli". Esaurito da molti anni, si può scaricare - gratuitamente QUI.

http://www.cirodiscepolo.it/biblio.htm

Le cose scritte da Ciro Discepolo in questa pagina del suo sito sono chiaramente false.

Non è vero che il libro contenga la relazione completa sulle ricerche Discepolo/Miele condotte su oltre 75.000 soggetti, e non vero che queste ricerche diedero risultati statisticamente significativi, secondo la relazione dei professori dell'Università.

Non è vero che i professori abbiano esaminato questa ricerca statistica condotta da Ciro Discepolo e da Luigi Miele su 75.000 soggetti in tutte le sue fasi, e non è vero che i professori non abbiano trovato errori di qualunque genere. In realtà, i professori un errore l'avevano trovato relativamente alla prima parte della ricerca descritta nel libro riguardante circa 8.000 soggetti.

Discepolo aveva calcolato in modo errato i valori attesi, perché invece di mischiare le famiglie per 100 volte, e fare la media tra i risultati ottenuti, si era limitato a mischiare le famiglie una sola volta, prendendo come valore atteso, il primo risultato che gli era capitato.

Questo si evince chiaramente dalla lettura del libro, perché a pagina 37 si legge:


Allora il prof. D’Ambra ed il dott. Mola ci hanno chiesto di generare
– nuovamente – come nella scorsa ricerca – cento coppie false.


E' ovvio che era necessario generare 100 coppie false, anche per la prima parte della statistica sugli 8.000 soggetti, cosa che inizialmente non era stata fatta, e che aveva portato i professori a calcolare la tabella della significatività in modo errato.

Rifacendo i calcoli, dopo aver ottenuto i valori attesi mischiando le famiglie per 100 volte, nessuna delle 50 variabili esaminate mostra una deviazione statisticamente significativa.

Le coppie figli/padri con l'ascendente dei figli uguale al segno del padre, non erano statisticamente significative, nemmeno nella prima statistica su 8.000 soggetti.



I professori hanno spiegato queste cose al Discepolo, il quale però ha deciso di ignorare il loro parere, continuando a sostenere che era stato trovato un risultato significativo in questa prima ricerca, e cosa molto più grave, che i professori universitari abbiano controllato l'intera statistica sui 75.000 soggetti, certificandone la correttezza e i risultati ottenuti.

Queste cose sono ormai di dominio pubblico, in quanto con l'autorizzazione del Prof. D'Ambra, ho pubblicato sul mio blog, lo scambio di email intercorso tra il professore e Discepolo.

Chiarissimo prof. D'Ambra,
sono d'accordo con lei nel non considerare validati dalla Scienza i risultati complessivi della mia ricerca sulla ereditarietà astrale perché, infatti, non ho mai inteso sottoporre a un arbitro terzo il complesso di quelle ricerche di cui lei, gentilmente, insieme al prof. Mola, elaborò i risultati relativi solo a uno spezzone minoritario dell'intera ricerca durata molti anni e seguita da esperti diversi.

Il fatto che nello spezzone minoritario di quella ricerca sull'ereditarietà astrale (circa 8000 soggetti su di un totale di circa 75.000) voi (Lei e il prof. Mola) mi indicaste che dai vostri calcoli (io non avrei potuto farli perché non conosco la statistica) avevo ottenuto uno Z significativo relativo a 2 variabili, non è stato mai considerato da me la validazione dell'intera ricerca da parte della Scienza e infatti nella mia biografia parlo di "risultati molto brillanti" (uno Z altamente significativo è un risultato molto brillante) relativi ad una mia ricerca, ma non ho mai affermato di avere ottenuto la validazione da parte della Scienza per quella specifica ricerca.
Queste cose ce le siamo già scritte e spero che non dovremo ripetercele all'infinito.
Comunque credo anche che non ci possano essere equivoci su ciò dato che conservo l'intera documentazione relativa  a quella sua gentile collaborazione.


Quindi Discepolo rivolgendosi al professore ammette che il controllo sulla statistica da parte dei professori riguardava soltanto uno spezzone minoritario di questa statistica (circa 8.000 soggetti su di un totale di circa 75.000).

Ma allora perché non modifica la pagina del suo sito in cui continua a sostenere che il controllo sulla statistica effettuato dai professori riguardava l'intera statistica effettuata su 75.000 soggetti?

Discepolo rispondendo al professore sembra addirittura seccato di dover ripetere queste cose.

Queste cose ce le siamo già scritte e spero che non dovremo ripetercele all'infinito.

Il motivo per cui sono necessarie queste ripetizioni, è dato dal fatto che al professore Discepolo scrive privatamente di sapere perfettamente che il loro controllo riguardava soltanto uno spezzone minoritario della statistica, mentre sul suo sito scrive che i professori avevano controllato la statistica  su tutti i 75.000 soggetti.

In altre parole Discepolo ritiene che sia lecito ingannare i suoi lettori facendogli credere che i professori abbiano certificato la validità della sua statistica, anche se questa certificazione da parte dei professori non c'è mai stata.

Chiarissimo Professore,
so che purtroppo la sua gentilezza e la sua apertura mentale nei confronti di un astrologo le hanno procurato molti fastidi in questi anni, soprattutto da parte di un teppista picchiatore di poliziotti che da anni mi attacca ripetutamente scrivendo in rete perfino che io venderei cure anticancro a base di borotalco.

I professori hanno avuto molti fastidi a causa di Ciro Discepolo.

E' Ciro Discepolo che ha mentito per 20 anni, facendo passare il controllo effettuato dai professori su uno spezzone minoritario della sua statistica, come un controllo effettuato sulla sua statistica riguardante 75.000 soggetti.

E' Ciro Discepolo che ha millantato per oltre 20 anni una certificazione da parte dei professori che non c'è mai stata.

E' Ciro Discepolo che continua imperterrito la sua opera di diffamazione nei miei confronti definendomi un teppista picchiatore di poliziotti.

E' sempre Ciro Discepolo che continua a diffamare i professori scrivendo nel suo sito che essi avrebbero certificato la sua statistica.

Ne io, ne i professori possiamo obbligare il Discepolo a cancellare le menzogne che ha scritto nel suo sito e nei suoi blog.

Però la Polizia Postale può oscurare il sito di Discepolo e i suoi blog, per cui rinnovo il mio invito ai professori a denunciare Discepolo, nel caso non avessero già provveduto in tal senso.

domenica 4 novembre 2012

La diffamazione come metodo


In una serie di libri che come argomento principale ha l’Amore è invertibile affrontare la questione dell’opportunismo che caratterizza la risposta di Ciro Discepolo alla lettura della prima parte di Amore e Discernimento pubblicata sul suo blog:
Giovedì 12 agosto 2010

http://cirodiscepolo.blogspot.com/2010/08/2016-aimed-solar-return-and-another-for.html

[…]
Sergio Berti mi ha inviato il suo primo libro, edito in proprio, dal titolo “Amore e Discernimento”. La dedica è: “PER CIRO DISCEPOLO” (tutto maiuscolo), seguito dalla firma.
Sono stato un po’ in forse se scriverne o meno. Tutti, dai miei scritti, possono verificare che nella mia vita non ho mai attaccato chicchessia e solo raramente, quando qualcuno reitera tantissime volte i propri attacchi nei miei confronti, solitamente mi limito a rispondere usando un po’ di ironia.
Qui mi trovo in una situazione simile, ma per i nostri lettori che al 99,99% non sanno chi sia Sergio Berti, occorre fare una breve premessa.
Sergio Berti è un operaio metalmeccanico veneto con la passione per la Kabbalah (io ho lasciato il sostantivo scritto come ha deciso l’Autore, ma il Devoto e Oli 2011 riporta che occorre scrivere “cabala”), poi per l’Astrologia e ora per la Filosofia.
Si avvicinò a me pieno di entusiasmi non tantissimi anni fa e io lo incoraggiai e aiutai pubblicandogli diversi articoli su Ricerca ’90. Poi, com’è successo tante volte nella mia vita, un bel giorno mi inviò una lettera di insulti perché nell’indice della rivista era stato sbagliato il suo nome di battesimo e lui teorizzò che lo avessi fatto di proposito; sì scrisse proprio: “Lo hai fatto apposta!”. In effetti la svista fu dell’amico Pino Valente, ma essendo io direttore responsabile, me ne assunsi tutta la responsabilità.
Quale responsabilità?
Feci notare a Sergio Berti che lui, più volte si cambiava il nome di battesimo e mi inviava e-mail in guisa di telegrammi con cui, non solo mi comunicava la cosa, ma mi ordinava di non sbagliarmi!
Succedeva, però, che poco dopo lui stesso cambiava idea e con le stesse modalità mi avvertiva di essere tornato Sergio o di essere diventato Giovanni o altro. La cosa diventava complicata tanto che ho ancora una casella Outlook tutta piena di appunti in proposito.
Sta di fatto, però, che con tale lettera egli aprì, e le ragioni posso immaginarle, una guerra personale nei miei confronti che proseguì a mezzo di una sua dichiarazione su di un blog con il quale collaborava e nella quale asseriva che sì, l’AA era interessante e ricca di potenzialità, ma era anche piena di “bug” e che lui ci stava lavorando e, appena l’avrebbe messa a posto ci avrebbe comunicato dove correggerla.
Infine, ripetutamente, sul suo blog, negli anni passati scrisse frasi del tipo “Appena scriverò un libro vi farò vedere…”.
Ecco la dovuta premessa.
Il libro è uscito e dovrebbe essere la sua vendetta (???), ma, in realtà, non ho compreso cosa sia.
Il titolo è “Amore e Discernimento” che credo sia anche il titolo di una telenovela brasiliana. Nella quarta di copertina l’Autore spiega che nel testo si parla di Amore e ha fatto bene a sottolinearlo perché non se ne sarebbe accorto nessuno.
Infatti, nelle 344 pagine di testo, riviste (nel senso dell’editing) sia dalla bravissima collega Mariagrazia Pelaia che dalla professoressa Grazia Contus (molto materiale non deve essere passato per loro perché il libro è esageratamente zeppo di errori di ortografia e di grammatica) di tutto si parla tranne che di amore.
Io lo avrei intitolato “Caleidoscopio” oppure “Fritto misto”, ma sappiamo che il titolo è prerogativa assoluta dell’editore che, non esistendo, in questo caso, è convitato di pietra rispetto al titolo e ai contenuti del libro.
In esso Sergio (o Giovanni o…?) Berti spazia, con molta disinvoltura dalla “Kabbalah” all’Astrologia, con sortite praticamente dappertutto, nella fisica quantistica, nella statistica, nella religione, nella filosofia (“che studio da due anni…”), nella psicoanalisi (qui mantiene il segreto e non ci dice da quanto tempo la studia) e in molte altre discipline.
Abbondano le “digressioni”, come lo stesso Autore le chiama in una specie di Indice che Indice non è in senso stretto. I titoli dei molti paragrafi, a mio avviso, rendono bene , l’idea del libro: “Prima bozza dell’Io”, “Giocando s’impara”, “Parola di Boss”, “Marylin Monroe” e via dicendo.
Sicuramente dipende da mie incapacità mentali, ma non si capisce l’Autore dove voglia andare a parare e neanche quale sia il soggetto o l’oggetto del testo.
Che sia veramente una vendetta?
Scusate il viziaccio da cinefilo, ma mi viene immediato l’accostamento a Luigi Zampa-Alberto Sordi-Claudia Cardinale: l’emigrato siciliano che lavora nelle miniere australiane e dice (cito a memoria): “Sì, ridete, ridete, che tanto io tra poco avrò messo da parte 10 milioni di lire, tornerò al Paese, mi comprerò il bar in piazza e mi prenderò la mia vendetta!”. “Ma è molto che manchi dall’Italia”?. “Sì, trentasette anni!”. “Allora la vendetta ti prendi quella di tua sorella perché con dieci milioni…”.
Non posso negare che l’intenzione ci sia: il Nostro, pur di sparlare di me, utilizza interi periodi di miei “duelli” pubblici con astronomi (per i quali ha violato dei copyright) e prova a ficcare nel mezzo del discorso anche l’Astrologia Morpurghiana che proprio non c’entra nulla con tutto il resto del libro.
Si nota, invece, con piacere, che il Berti ha conosciuto l’uso della parola “inferenza” e cerca di infilarla dappertutto, praticamente in ogni sezione del testo.
A una prima lettura superficiale il libro potrebbe sembrare a sfondo epistemologico, per il continuo richiamo ai miei “duelli” con gli scientisti, ma manca una direzione portante, un pensiero di fondo che possa guidare il Lettore che si vede catapultato, da una pagina all’altra, dalla lettura del cielo di compleanno, che avrà fatto trasalire Lisa nella tomba, al gioco delle trasparenze e dei molti universi morpurghiani (non mi chiedete quanti siano e cosa siano perché non lo so).
Mi fermo qui.
Caro Sergio, se sei ancora tale, io spero che tu abbia superato il tempo delle mele, in rapporto a quelle importanti confidenze assai personali che volesti pubblicare e che certamente hanno avuto un peso nell’architettura del libro in oggetto. Resto in fiduciosa attesa della tua revisione dei “bug” dell’Astrologia Attiva, di cui, invece, non si fa cenno in questo lavoro.
Dovremo attendere un secondo libro-vendetta?
Se sì, ti consiglio molto la lettura illuminante de “Il conte di Montecristo” e delle sceneggiature di Quentin Tarantino.
Con i migliori auguri.
[…]

Mie ultime considerazioni

Sul fatto di aver scritto la mia dedica in stampatello maiuscolo devo dire che solitamente uso sempre questa forma di scrittura perché ho una scrittura minuta e a volte illeggibile, e per essere sicuro che i miei scritti siano leggibili scrivo in questo modo. È evidente che la mia dedica è stata interpretata provocatoriamente, ma diciamo che l’aver regalato il libro a Ciro Discepolo aveva come scopo quello di avere un commento sui contenuti fondamentali del testo, ma come è sempre conveniente fare quando non si ha un’adeguata preparazione è meglio sviare i discorsi.
Per quanto riguarda i miei tanti numerosi attacchi che Ciro Discepolo mi attribuisce dipendono dal fatto che ho mosso parecchie delle critiche alla sua astrologia, ossia all’Astrologia Attiva, e lui ha interpretato le mie contestazioni come degli attacchi personali. Le questioni a riguardo sono due: la prima si riferisce al fatto che Ciro Discepolo ha elaborato un modo di fare astrologia ottimale per se stesso e quindi rispecchia la sua personalità, e la seconda è che lui continua a identificarmi come una persona vendicativa e traditrice, e mi ha attribuito questa qualità quando ancora non mi conosceva e non mi aveva mai visto, facendo un’analisi del mio Cielo Natale a una persona con cui avevo rapporti personali.
Ciro Discepolo parte dal presupposto che se una persona s’impegna in una determinata materia è per il fatto che ha una passione, e dato che studio diverse materie lui afferma che io ho una passione per ognuna: anni fa ha registrato in un file audio nel quale parlava di me ha affermato che io ero un indeciso e che non sapevo in che materia indirizzarmi, ma sinceramente non capisco questa obbiezione, perché gli studi che faccio io sono nella normale evoluzione culturale di ogni astrologo, solamente che io non mi limito a studiare e cerco di crearmi un pensiero coerente. Lo studio della filosofia è indispensabile per comprendere molti aspetti dell’astrologia e se non l’ho studiata prima è solo perché mi sono impegnato in altri studi. Molti filosofi e scienziati hanno scritto testi sul rapporto fede/scienza e irrazionalità-razionalità, e come può uno scienziato scrivere un libro del genere se non studia testi di religione, o un fedele dei testi di scienza?
Purtroppo io sono del segno della Bilancia al quale è solitamente attribuita l’indecisione, quindi agli occhi di un astrologo come Ciro Discepolo non posso fare niente per dimostrare il contrario.
Sulla questione di come si scrive Kabbalah nel mio libro scrivo קבלה in caratteri ebraici per identificare il significato originale, in alternativa scrivo Kabbalah per riferirmi alla scienza mistica studiata in ambienti ebraici. Non scrivo Cabala perché identifica una corrente cristiana che a mio parere, al contrario di come la pensavo un tempo, non ha ragione d’esistere perché è un insulto al misticismo ebraico e una falsificazione della teologia cristiana.
È vero che mi sono avvicinato io a Ciro Discepolo con molto entusiasmo, solo che mi sono posto, come ogni studioso deve fare, in modo critico, non dando niente per scontato, e la mia insistenza è nata per il fatto che alle domande che ponevo non avevo risposta. In un primo momento pensavo che il problema fosse il poco tempo dovuto dai molti impegni, ma con il tempo ho capito che si trattava d’indifferenza al pensiero altrui, e la risposta che ho avuto in seguito alla lettura del mio libro è un chiaro esempio di opportunismo del non dire ciò che non conviene. Ciro Discepolo non ha replicato a un solo argomento del mio libro, in particolare a quanto è scritto nell’Appendice tre in merito al dibattito col Prof. Giuseppe Longo, nel quale nessuno ha spiegato la differenza tra statistica inferenziale e quella descrittiva, oltre che su molte altre cose.
Per anni ho cercato di fare un ragionamento costruttivo con Ciro Discepolo, ma con lui è impossibile perché s’impostano i discorsi sempre sugli stessi presupposti ignorando le cose dette in precedenza. Ho dimostrato che questo atteggiamento (vedi Appendice 3) non lo riserva solamente a me ma anche con tutti coloro gli rivolgono contestazioni.
Sulla questione del mio nome direi che c’è stato un momento in cui era ragionevole perché per studiare קבלה ero in contatto con delle persone con le quali avevo deciso di cambiare nome. Spiegherò altrove il motivo per cui presi questa decisione, ma è noto che anche Madonna (cantante) ha acquisito un secondo nome, ossia Ester per entrare in un circolo di Kabbalah, ora mi limito a dire che ho abbandonato quel secondo nome (Giovanni) perché si è verificata una situazione inaspettata che ha creato confusione sulla mia identità: sembrava, infatti, che volessi nascondere il mio vero nome e scrivendo “Caro Sergio, se sei ancora tale”.
Ciro Discepolo sa bene come stanno le cose e si diverte a rivangare la questione e la sostituzione del nome, Simone invece di Sergio, non può essere un caso, perché in quel momento il nome Simone aveva un significato particolare in una discussione con una persona che Ciro conosce.
CIRO DISCEPOLO nel dire che ho cambiato nome più volte, questa è una BUGIA, ho usato per due o tre mesi il nome Giovanni, poi, quando qualcuno contestava la mia identità, ho accostato a tale nome quello di battesimo, ma non è vero che ho cambiato nome più volte, quest’affermazione è diffamatoria.
Per quanto riguarda i bug la questione è semplice, io non considero l’astrologia una scienza e ritengo, come spiego nel mio libro, che l’astrologia è uno strumento di conoscenza basata su fenomeni sia razionali e scientifici, sia irrazionali e spirituali, e considerando che l’Astrologia Attiva non si interessa di spiritualità, a mio parere gli unici bug sono le bugie che gli astrologi pseudo scienziati intendono sostenere.
In questa risposta Ciro Discepolo è abile nello spostare l’attenzione dai temi importanti del libro a questioni secondarie, ovviamente scrivendo queste cose, cioè associando il titolo del mio libro a una telenovela spagnola, mettendo in rilievo alcune imperfezioni (l’ultima parola del testo in quarta di copertina è sbagliata di proposito), mettendo in discussione la mia preparazione, ovviamente fa in modo che chi legge il suo blog non compri mai il mio testo.
Ciro Discepolo gioca bene con le parole e giocando s’impara si riferisce a un paragrafo nel quale metto in rilievo alcuni insegnamento di A che gioco stiamo giocando, un testo di Eric Berne che riguarda i vari modi con cui si possono manipolare i discorsi: proprio come Ciro Discepolo fa. Parola di Boss si riferisce a un paragrafo nel quale analizzo un testo di una canzone di Bruce Springsteen, chiamato, appunto Il Boss.
Per quanto riguarda bozza dell’Io, Ciro Discepolo dimostra la propria ignoranza non riconoscendo quanto Freud e gli psicoanalisti attuali definiscono la prima manifestazione dell’Io in un bambino che inizia a prendere consapevolezza di se stesso.
Come sempre si dimentica di dire che in passato ha detto, prima di conoscermi e di vedermi, a una persona con cui avevo contatti personali, che io sono vendicativo e che pugnalo alle spalle, e per anni ho dovuto relazionarmi con una persona diffidente nei miei confronti e con la quale non potevo fare niente per guadagnarmi la sua fiducia.
Per quanto riguarda la questione se i miei libri siano il risultato di una vendetta, lascio al giudizio dei miei lettori, non so cos’altro fare! Certamente non permetto agli astrologi di inquinare la mia vita privata.
Io sono nato e sempre vissuto a Camposampiero e non intendo trasferirmi a causa delle diffamazioni.
Per quanto riguarda i miei studi di psicologia direi che iniziai ancora prima dei vent’anni: mia madre comprò un’enciclopedia (che pagò una cifra esagerata) che riportava testi integrali di Freud e articoli di riviste di psicologia degli anni ’80. Iniziai a leggere qualche pagina di essa ai tempi delle superiori e quando iniziai a studiare Kabbalah lessi i libri di Will Parfitt che è uno psicoanalista londinese che ha, tra l’altro, scritto un libro di psicocinesi. Quando lessi i primi libri della Morpurgo feci ricerche particolari.
Nell’affermare che nel mio libro non si parla d’amore Ciro Discepolo dimostra slealtà, infatti, analizzo la vita sentimentale di Freddie Mercury, Marilyn Monroe, Evita, e molti altri, inoltre analizzo testi di canzoni si Baglioni e di Bruce Springsteen.

Sui copyright ho riportato dei brani resi pubblici nel web in un documento pdf, e le mie analisi hanno scopo di critica intellettuale che è permessa per legge: lo so che scoccia che la verità venga detta!

Sulle citazioni a memoria non so che dire, io non ho mai parlato di vendetta e neanche ho mai avuto intenzione di comprarmi un bar. Sicuramente ho minacciato di dire le cose che pensavo, e questo lo sto facendo dopo essere stato preso in giro innumerevoli volte!

Sergio Berti

venerdì 2 novembre 2012

Risultati Zero



Osservazioni politematiche sulle ricerche Discepolo/Miele ° - 200 pagg., 1992. Contiene la relazione completa sulle ricerche Discepolo/Miele relative all’ereditarietà astrale, ricerche condotte su oltre 75.000 soggetti e che diedero risultati statisticamente significativi (secondo la relazione dei professori dell’Università che esaminarono il lavoro). Prefazione di André Barbault. Questo libro contiene una parte scritta anche in francese e in inglese. Fu premiato, in Belgio, come secondo migliore libro dell’anno. Va anche rammentato che questa ricerca statistica, condotta da Ciro Discepolo e da Luigi Miele su 75.000 soggetti fu poi esaminata, in tutte le sue fasi di impostazione generale, raccolta del campione, necessità di creare il gruppo di controllo random (senza del quale, a detta dei docenti universitari, professori di Statistica, che controllarono tutto il lavoro, la ricerca, in questo caso, sarebbe risultata completamente errata) e mancanza di errori di qualunque genere, da professori di Statistica dell'Università di Napoli. La ricerca ebbe un risultato altamente significativo e positivo dal punto di vista statistico e i Professori che ripeterono tutti i calcoli furono anche coautori del libro. A pagina 24 del libro si legge: "Lavoro Statistico (i calcoli e i risultati, non la critica cinematografica al film Umberto D, NdR) a cura del dr. Francesco Mola e del prof. Luigi D'Ambra del Dipartimento di Matematica e Statistica dell'Università di Napoli". Esaurito da molti anni, si può scaricare - gratuitamente QUI.

http://www.cirodiscepolo.it/biblio.htm


Come mai il sig. Ciro Discepolo non ha ancora provveduto a cancellare i nomi dei professori universitari da questa pagina?
Vuole una nuova denuncia anche da parte dei professori?

Credo di sapere che cosa ha pensato il furbacchione. I professori sono veramente coautori del libro di cui si parla, perché nel libro c'è effettivamente un loro intervento. Per cui Discepolo ritiene di poter citare i loro nomi, in questa pagina dove c'è la sua bibliografia.

Però in questo testo viene detto ancora una volta il falso, perché non è vero che i professori abbiano controllato la ricerca su 75.000 soggetti, cosi' come scrive Discepolo.

Ricordo a tutti che rivolgendosi al professore, Discepolo ha finalmente ammesso di aver compiuto la ricerca da solo, e che l'intervento dei professori era limitato soltanto a questa prima parte della statistica basata soltanto su 8.000 soggetti, di cui si parla nel libro.

Discepolo mente anche relativamente alla ricerca sugli 8.000 soggetti, perché parla di un risultato altamente significativo e positivo dal punto di vista statistico.

Anche queste affermazioni sono false, perché non c'è mai stato nessun risultato significativo.

I professori hanno effettivamente controllato questa statistica, ma hanno riscontrato un errore, per cui il risultato statisticamente significativo non c'era nemmeno nella statistica relativa a questo campione di 8.000 soggetti.

I professori dicono a Discepolo di mischiare le famiglie per 100 volte, e facendo in questo modo, lo Zeta calcolato inizialmente dai professori non è più valido.

L'intervento dei professori effettivamente c'è stato, hanno controllato la statistica e hanno accertato che c'era un errore. Come fa Discepolo a parlare ancora di risultati positivi?
E come fa ad attribuire la certificazione di questi risultati positivi ai professori?



Il suo “cavallo di battaglia” è un mio libro riguardante una parte di una mia ricerca statistica redatta in più anni e con il supporto di esperti diversi dove egli asserisce che alcuni di detti esperti, che trovarono due variabili con uno Z numericamente alto, non capiscono nulla di statistica e avrebbero commesso errori grossolani: nel suo delirio di onnipotenza, egli, che è una nullità assoluta in campo astrologico e statistico, crede di poter insegnare la statistica ai docenti universitari di tale materia…  La ricerca ebbe un risultato altamente significativo (considerando le varie ripetizioni a cura di studiosi diversi di statistica che operarono indipendentemente tra loro, in anni e sedi diverse) e positivo dal punto di vista statistico. I particolari e l’intera storia di questa ricerca sono stati pubblicati in più libri e in numerosi articoli del trimestrale Ricerca ’90.

In questo altro testo presente sul blog in cui Discepolo mi diffama in continuazione, e che gli costerà una pesante condanna penale, il nome dei professori non compare più. Però anche se è stato cancellato il nome dei professori, sempre del Prof. Luigi D'Ambra e del Prof. Francesco Mola si tratta, perché sono loro che avevano riscontrato uno Z numericamente alto e sono loro che vengono citati in diversi articoli pubblicati su Ricerca '90. Da un punto di vista legale, il fatto che adesso, non vengano più citati esplicitamente i nomi dei professori, non estingue il reato perché queste persone sono comunque facilmente identificabili.

Quando Discepolo insulta e calunnia pesantemente Grazia Bodoni, Dante (astrology), e Marco Pensatori, lui erroneamente crede di non poter essere denunciato da queste persone, avendo storpiato il loro vero nome. Però siccome almeno l'80% dei suoi blogger, identifica queste persone come Grazia Bordoni, Dante Valente, e Marco Pesatori, il fatto di averne storpiato un po' i nomi, non cambia nulla, e Discepolo è perseguibile penalmente.

Discepolo dice un sacco di fesserie, scrive che io lo starei diffamando e calunniando, ma non è affatto vero. Io da circa 3 anni sto dicendo che le statistiche di Discepolo sull'ereditarietà astrale sono false, perché non è vero che siano state certificate dai professori universitari.

Questa non è mica diffamazione, e adesso abbiamo la prova inconfutabile che questa certificazione non c'è mai stata, perché è lo stesso Ciro Discepolo che lo ha ammesso.

E' interesse del pubblico sapere la verità sulle statistiche di Discepolo, perché in questo modo la gente può farsi una opinione sulla loro validità e sulla validità delle altre teorie astrologiche del Discepolo.

Far notare che le statistiche erano errate, e che non è vero che i professori universitari le abbiano mai certificate, non è mica diffamazione.

Non c'è nemmeno un accanimento ingiustificato da parte mia nell'affermare la falsità di queste statistiche, perché Discepolo nonostante tutto continua ancora a parlare di risultati positivi.

Sul retro dei suoi ultimi libri freschi di stampa, Discepolo continua a vantarsi di aver ottenuto dei risultati positivi con le sue statistiche.

Questi risultati positivi non ci sono mai stati, c'è stato un errore, e i professori hanno detto a Discepolo che c'era un errore.

Discepolo vorrebbe far passare questo errore per un risultato positivo certificato dai professori di statistica, almeno relativamente alla statistica sugli 8.000 soggetti.

Per cui, secondo lui, i professori approverebbero il suo metodo di mischiare le famiglie una sola volta. In altre parole, secondo Discepolo, i professori sarebbero dei cretini, perché il metodo Discepolo di prendere come valore di riferimento il primo valore che capita mischiando le famiglie una sola volta, è una cretineria.

Siccome Discepolo continua tuttora a scrivere che i professori avrebbero certificato questi risultati positivi almeno relativamente alla statistica sugli 8000 soggetti, significa che sta attribuendo a loro un errore che invece è soltanto suo.

Scriverò ancora al professore, però questa volta non gli dirò di chiedere a Discepolo di cancellare il suo nome da questa pagina, ma gli suggerirò di denunciare il Discepolo.


giovedì 1 novembre 2012

Denuncia 1^




Qualcuno potrebbe pensare che stiamo giocando...

Ma non è cosi', ci sono delle denunce in corso, quindi se qualche "blogger romano" pensa di venire a cercarmi a casa, credendo di fare una goliardata, si sbaglia di brutto, perché verrà denunciato anche lui.

Questa è la prima denuncia nei confronti di Discepolo, ma c'è una seconda denuncia, e ne seguiranno altre, finché il Discepolo non cesserà i suoi comportamenti delittuosi.



domenica 28 ottobre 2012

Poveri noi



Ho visto un blog in cui si parlava di Vittorio Marchi e mi sono incuriosito sul personaggio. Ho scoperto che su You-Tube ci sono diversi suoi video. Alcuni di questi video sono affascinanti, di sicuro a Vittorio Marchi non manca la capacità di far sognare, ma quanto c'è di vero nelle cose che racconta?

Nulla.

Ho qualche dubbio sulla autenticità di questo video, ma se è proprio lui quello che dice queste cose nel video, non vale la pena di ascoltarlo. 

mercoledì 17 ottobre 2012

Ancora bugie


I am not a rat (vedi blog)

Facciamo un esempio. Nel suo molto discutibile "Viaggio nel mondo del paranormale", Garzanti, 1978, pagine 419, Piero Angela tenta di mettere in ridicolo Uri Geller che - però - effettivamente, per sua stessa ammissione, barò in poche circostanze, ma non nel caso degli esperimenti di telepatia.

Ciro Discepolo


Quindi Uri Geller rimane un sensitivo anche se ha usato dei trucchi?

E Discepolo rimane un astrologo serio anche se ha barato con le statistiche?

Piero Angela racconta che coloro che credevano nei poteri paranormali di Uri Geller hanno continuato a credere in questi poteri, anche dopo che era stato sorpreso ad usare dei trucchi.

Razionalmente non c'è nessuna valida ragione per continuare a farlo, ma sappiamo che l'uomo non è un animale razionale. Volendo si possono trovare mille giustificazioni per continuare a credere, una potrebbe essere che gli esperimenti di telecinesi sono molto dispendiosi in termini di "energia psichica", e che Uri Geller aveva bisogno di un "aiutino" per quando era troppo stanco.
Immagino che faranno lo stesso anche quelli che credono in Discepolo, che non deve preoccuparsi troppo per i suoi affari, perché come dice una mia amica ogni giorno nasce un cucco beato chi se lo cucca.

E' interessante vedere nel filmato come la situazione venga ribaltata, il signore nella foto che era stato l'involontario testimone del trucco di Uri Geller diventa il bersaglio delle critiche, ed è questo ciò che è accaduto anche a me. Sono sotto accusa, si svolgono indagini sulla mia vita privata, si vuole conoscere che faccia ho, e dove abito. Ma invece, prestare attenzione alle cose che scrivo no? Guardate che l'imbroglio non l'ho commesso io, è Discepolo che con un gioco di prestigio, ha fatto credere a molti di avere una certificazione scientifica che non aveva.
Per tre anni ho ripetuto che nell'ormai famoso libro on line, non c'era la certificazione che lui millantava, e lui invece insisteva dicendo di avercela.
Adesso invece dice che non gli interessa l'avallo della scienza, ma allora come mai prima se ne era procurato uno falso? Se non mi interessa il denaro, non mi metto a stampare banconote false.

Discepolo cerca di giustificarsi dicendo che nemmeno le statistiche dei Gauquelin e di Didier Castille siano state riconosciute dalla scienza. Però anche in questo caso sta travisando i fatti, perché per prima cosa queste statistiche esistono e le sue no, ma non solo.

Il professore aveva calcolato lo Zeta delle coppie figli-padri su un campione di 47.000 soggetti, trovando un valore uguale a -3.2127. Questo significa che la probabilità che l'eccesso riscontrato per queste coppie fosse dovuto ad un caso, era 1 su 1521 (P_value= 0.000657). Si tratta di una significatività molto alta.

Se i numeri che sono stati usati per calcolare questo valore dello Zeta fossero stati corretti, la statistica di Discepolo avrebbe avuto molte più chance di essere accettata dalla scienza rispetto alle statistiche di Gauquelin.

Discepolo avrebbe scalzato Gauquelin dal podio dei ricercatori astrologici, perché la sua statistica sarebbe stata una prova molto evidente dell'esistenza di una legge di ereditarietà astrale.

Perché Discepolo ha invece deciso di abbandonare la partita avendo in mano un risultato cosi' promettente?

Non ha senso. Una volta accertato che i numero delle coppie reali e quello delle coppie previste era giusto, Discepolo sarebbe riuscito a convincere anche i più scettici.

Il problema è che questi numeri erano sbagliati, perché replicando la statistica, usando gli stessi dati che ha usato lui, non ho trovato lo stesso risultato.

Perché Discepolo avrebbe preferito "scippare" una certificazione, invece di acquisirne una legittima, semplicemente mostrando che i numeri che aveva trovato erano stati calcolati correttamente?

I brillanti risultati trovati da Discepolo, non potranno mai essere confermati dalla scienza, ma non perché gli scienziati siano prevenuti nei confronti dell'astrologia, ma solo perché questi brillanti risultati non esistono.

Al contrario dei risultati di Didier Castille, che non sono stati confermati dalla scienza, ma da me si.

Ho rifatto la statistica di Castille con un campione di popolazione diverso, e ho trovato anch'io che le persone nate a pochi giorni di distanza si sposano molto più frequentemente del previsto.

Ma poi qualcuno mi saprebbe spiegare perché i risultati di Discepolo non sono stati confermati da Françoise Gauquelin? I dati erano i suoi, e voi credete che non abbia controllato se era vero o no, ciò che affermava Discepolo? Secondo me l'ha fatto, e sapeva benissimo che ciò che diceva Discepolo era falso, solo che ha preferito evitare di mettersi a polemizzare con un incompetente, perché il tempo è galantuomo e la verità sarebbe uscita fuori, cosi' come è poi avvenuto.

lunedì 15 ottobre 2012

Non sono più depresso


Caro Maurizio,
se vai a leggere il mio post di questa mattina sul blog (http://cirodiscepolo.blogspot.it/2008/04/la-discussione-fa-bene-al-sapere.html) vedrai che è una mia risposta a molte delle cose che dici. Relativamente al fatto che non hanno cancellato Lisa Morpurgo da Wikipedia, ti sei chiesto il perché? Perché a “lor signori” fa comodo dire che gli astrologi sono come quella Lisa Morpurgo che asserisce che ci sono quattro universi paralleli… e, dunque, fingendo di ossequiarla, la stanno insultando.
Buona giornata,
Ciro



Da: Maurizio [mailto:m.tonin@inwind.it]
Inviato: giovedì 17 aprile 2008 0.06
A: Ciro Discepolo
Oggetto: Re: accade oggi


Sono d'accordo con te Ciro, sul fatto che queste persone non cercano la verità, ma come denigrare l'astrologia,
ma allora che dovremmo fare, rinunciare alla partita?

Non so se stai seguendo la discussione, la cosa più incredibile è come io riesca ad ignorare gli insulti che mi vengono rivolti a raffica,
mentre rimango imperterrito ad elencare i  miei numeri e le mie ragioni.

Intendiamoci, mi costa fatica, d'istinto farei ben altro, ma mi sforzo di dimostrare che chi è dalla parte del torto non sono io, bensi' loro.

A proposito, ma loro chi?

In realtà, io non mi rivolgo a loro, faccio solo finta di farlo, ma mentre scrivo penso che magari c'è qualcuno,
che pur senza partecipare attivamente alla discussione, trovandosi in un sito di astrofili,
legga, ciò che scrivo, e che magari è sfiorato dal dubbio che io possa avere ragione.

Con il tempo mi sono accorto che l'astrologia è un fatto di rivelazione, ossia che non sono gli astrologi che partiti magari da una posizione di scetticismo,
studiando la materia ad un certo punto si rendono conto della sua validità, ma è come se l'astrologia scegliesse noi, e decidesse di rivelarsi a qualcuno ed ad altri no.

Non dobbiamo quindi amareggiarci, per l'incomprensione di queste persone, a loro poveretti, non è stata data la possibilità di capire,
sono da compatire, i fortunati siamo noi, ma nello stesso tempo dobbiamo cercare che questa forma di conoscenza, non sparisca per sempre.

La cosa che mi ha colpito, dello spiacevole episodio che ti riguarda, è che non l'ho visto per niente come un attacco contro Ciro Discepolo,
l'impressione che ne ho ricavato e che queste persone vogliono proprio cancellare la parola astrologia dai dizionari,
secondo me c'è stato un salto di qualità da parte da quello che impropriamente si autodefinisce razionalismo,
adesso non si limitano più semplicemente a negare la verità dell'astrologia, vogliono annientarla completamente, vogliono che non
appaia più nei dizionari, nemmeno seguita dalla definizione di pseudoscienza. 

Secondo me non è solo in ballo solo il destino dell'astrologia, ma è in gioco il destino stesso dell'umanità, la scienza di cui queste persone,
si riempono la bocca, è una scienza falsa ed è una scienza pericolosa, che può fare danni molto più seri e gravi di quanti ne abbia fatti Wanna Marchi.

Non so se sono vittima di una specie di delirio paranoico, da astrologo mi ritrovo a vedermi come una specie di profeta,
e mi ritrovo ad essere come Cassandra ed a gridare: "Troia brucia".

Che dici Ciro, sto poco bene?

L'uomo moderno ha perso il senso del contatto con la natura, ed è questa la spiegazione di questa ostilità contro l'astrologia,
l'astrologia è la limitazione che la natura ci impone, che non possiamo fare altro che accettare, ma loro non vogliono accettare queste limitazioni
e vorrebbero giocare a fare la parte di Dio,
e questo non può produrre altro che guai, che temo irreparabili.  

Molti "scienziati" pensano che l'astrologia non possa funzionare, perchè le forze gravitazionali esercitate dai pianeti, sono di lieve entità,
e quindi non sanno spiegarsi, come possa esserci una connessione tra il cielo e la terra.

Ci sono anche molti altri scienziati che continuano a negare il riscaldamento globale, nonostante le evidenze che ci sono, la mentalità mi
sembra la stessa in tutti e due i casi, questa scienza in pratica vuole affermare che se qualcosa non ha l'evidenza di una bomba atomica,
allora non esiste.

E' una scienza violenta, che ha il malcelato intento di distruggere, è una scienza drogata dal business, ben diversa dalla nostra scienza,
che invece vuol comprendere come fanno i fiori a nascere, e perchè le cose hanno la forma che hanno, pur sapendo che non saremo
mai in grado di comprenderlo completamente.

La nostra è una scienza di vita, la loro è una scienza di morte. 

Dovremmo provare a fermarli.

Forse sono solo un po' depresso.

Ciao Maurizio


----- Original Message -----
To: Maurizio
Sent: Monday, April 07, 2008 8:05 AM
Subject: R: accade oggi

Caro Maurizio,
apprezzo il suo sforzo, ma le tre serie di maggiori lavori statistici prodotti in astrologia in tutte le epoche e nel mondo, quelli dei coniugi Gauquelin, del sottoscritto e quelli di Didier Castille, seppure replicate numerose volte e avallate dal controllo di istituti universitari di statistica, vengono rigettati da CICAP & C. come saranno rigettate tutte quelle future, per una semplice ragione: queste persone non cercano la verità, ma come denigrare l’astrologia…
Molte care cose,
Ciro Discepolo



Da: Maurizio [mailto:m.tonin@inwind.it]
Inviato: domenica 6 aprile 2008 23.55
A: Ciro Discepolo
Oggetto: accade oggi

Caro Ciro,

scommetto che troverai interessante questa discussione:


Ciao

Astromauh


Non sono più depresso perché ho capito che il nemico non è il CICAP e non è Piero Angela, ma sono gli astrologi come Ciro Discepolo che vorrebbero dimostrare l'astrologia con l'inganno.

Lei Discepolo può raccontare tutte le balle che vuole, ma la verità è molto semplice, lei ha agito in modo disonesto, incominciando con l'ingannare me.

Adesso la verità è uscita fuori, lei ha barato, provi a spiegare perché l'ha fatto.

L'astrologia se vuole essere una disciplina rispettabile deve liberarsi delle persone come lei.

Non si preoccupi della mia faccia, si preoccupi di nascondere la sua.

Si vergogni, e la smetta di pronunciare i nomi di persone che hanno dato molto all'astrologia, lei è solo un impostore.





Barare è lecito


Facciamo un esempio. Nel suo molto discutibile "Viaggio nel mondo del paranormale", Garzanti, 1978, pagine 419, Piero Angela tenta di mettere in ridicolo Uri Geller che - però - effettivamente, per sua stessa ammissione, barò in poche circostanze, ma non nel caso degli esperimenti di telepatia. Un operatore "indipendente" guardava delle figure da una stanza e Uri Geller disegnava quello che riceveva in una stanza attigua alla prima.
In una di queste trasmissioni l'operatore guardò una immagine del demonio e il sensitivo israeliano disegnò un forcone.
Angela dedusse che egli aveva sbagliato.
Ecco, è tutto qui: lo scontro sull'impossibilità di matematizzare i simboli.
Tra i libri che sto scrivendo ve n'è anche uno di carattere epistemologico (non è il primo) in cui tenterò di chiarire, a chi conosce poco la lingua italiana e soprattutto il valore del simbolo, come si potrebbe inquadrare, a mio avviso, il problema.
Tu sai che l'Astrologia non è considerata una scienza e io sono perfettamente d'accordo su ciò perché la considero un'Arte che è decisamente superiore a una Scienza, come nel caso della Medicina.
Tuttavia sono anche convinto che l'Astrologia possa essere investigata con un metodo scientifico, per esempio a mezzo della statistica.
I grandiosi risultati dei coniugi Michel e Françoise Gauquelin, secondo te, hanno ottenuto la validazione della Scienza?
No.
E perché.
Per il pregiudizio di molti scienziati verso l'Astrologia.
Quando i coniugi Gauquelin consegnavano, con molta umiltà, i loro lavori a un gruppo di arbitri (scienziati regolarmente accreditati presso università), costoro dichiaravano che per ottenere il sigillo scientifico ai loro lavori, essi avrebbero dovuto ripetere la ricerca.
Ed essi ripetevano la ricerca.
La consegnavano nuovamente al gruppo di arbitri e veniva detto loro che essi avrebbero dovuto replicare ancora tale ricerca.
Solo dopo molti anni compresero la realtà: "Voi potrete replicare anche mille volte la vostra ricerca, noi vi risponderemo sempre che dovrete replicarla ancora una volta...".
Infatti sia Michel che Françoise che ho avuto il piacere di ospitare qui a Napoli, a un certo punto si stancarono e lasciarono perdere perché anche un cieco crede nelle leggi che hanno scoperto e il fatto di non avere ricevuto il sigillo rosso, su carta stampata di una Università, non ha tolto nulla alla loro grandezza.
Lo stesso dicasi per Didier Castille, il più grande ricercatore astrologico vivente: le sue ricerche, che hanno confermato due delle mie regole dell'AA, non sono mai state validate dalla Scienza.
Tu sapevi che le ricerche dei Gauquelin e di Didier Castille non hanno mai avuto il sigillo della Scienza Ufficiale? E questo ti impedisce di riconoscere all'istante l'effetto Marte, per esempio?
No, naturalmente.
Come vedi si tratta solo di un problema di semantica: i risultati esistono, ma la Scienza Ufficiale si rifiuta di definirli con il giusto titolo. 
E tu sai se almeno una ricerca di un astrologo, di ogni tempo e di ogni nazione, sia mai stata validata dalla Scienza Ufficiale?
Te lo dico io: una delle mie, la stessa verificata da Didier Castille e validata anche da professori dell'Università di Zurigo.
E com'è avvenuto tale miracolo? Non certo perché io abbia sottoposto loro le mie analisi. No, loro ignoravano che io avevo scritto le regole #1 e #2 delle mie 34 da decenni e pensavano di avere intuito loro la realtà che c'era dietro queste regole. Ci hanno lavorato per una vita e le hanno dimostrate, dimostrando, senza volerlo, anche le mie stesse regole.
Lo stesso discorso vale per le ricerche mie e di Luigi Miele sull'ereditarietà astrale, condotte per molti anni, su campioni diversi e sempre con la supervisione di esperti diversi.
In quelle ricerche ottenemmo uno Z significativo assai alto su due variabili. Allora questo vuol dire che ottenemmo il sigillo rosso della Scienza ufficiale? No. E perché? Perché, conoscendo la storia della Scienza, io sapevo benissimo cosa era accaduto ai coniugi Gauquelin e a Didier Castille a cui gli Scienziati del gruppo di arbitri, sbattettero più volte la porta in faccia.
E perché mai io avrei dovuto sottopormi alla clemenza della Scienza (che non mi avrebbe mai dato il suo avallo) per ottenere un sigillo rosso?
A me basta sapere che lo Z che cercavo fu altamente significativo e non mi interessava più raccogliere i singoli spezzoni di una lunga ricerca per farli analizzare da uno sceriffo.
Ciò che mi interessava allora e che mi interessa ancora oggi è che molti tra i più grandi astrologi di questa Terra usano con soddisfazione tali regole.
Tutto il resto è filosofia, o noia come dicono le belle parole di una canzone della mia giovinezza.

Ciro Discepolo



sample of american rat

domenica 14 ottobre 2012

Il Valore dell'Astrologia



In questo libro di André Barbault a pagina 96 si legge:




All'ingresso del XXI secolo sfuggiamo all'impaccio del dibattito
passato. Non sono più possibili intrallazzi o sospetti perché entria-
mo sul terreno liscio del matrimonio e dell'ereditarietà, con il parto
e la filiazione genitoriale che si impongono d'autorità e senza equi-
voci. Già era stata segnalata un'inchiesta sull'ereditarietà astrale (1983-
1994) effettuata dall'equipe di Ciro Discepolo e pubblicata sulla sua
rivista Ricerca 90 sotto il controllo di esperti di statistica dell'Univer-
sità di Napoli su 75.572 soggetti. In numerosissimi casi si è eviden-
ziata una frequenza significativa: la tendenza a trovare come segno
Ascendente del bambino il segno occupato dal Sole alla nascita del
padre o della madre.


Non è vero che gli esperti di statistica dell'Università di Napoli abbiano controllato la statistica di Ciro Discepolo su 75.572 soggetti.

Ma questo non sono io a dirlo, ma è lo stesso Ciro Discepolo ad ammetterlo in una email indirizzata al professore universitario di statistica dell'Università di Napoli.

Chiarissimo prof. D'Ambra,
sono d'accordo con lei nel non considerare validati dalla Scienza i risultati complessivi della mia ricerca sulla ereditarietà astrale perché, infatti, non ho mai inteso sottoporre a un arbitro terzo il complesso di quelle ricerche di cui lei, gentilmente, insieme al prof. Mola, elaborò i risultati relativi solo a uno spezzone minoritario dell'intera ricerca durata molti anni e seguita da esperti diversi.

Il fatto che nello spezzone minoritario di quella ricerca sull'ereditarietà astrale (circa 8000 soggetti su di un totale di circa 75.000) voi (Lei e il prof. Mola) mi indicaste che dai vostri calcoli (io non avrei potuto farli perché non conosco la statistica) avevo ottenuto uno Z significativo relativo a 2 variabili, non è stato mai considerato da me la validazione dell'intera ricerca da parte della Scienza e infatti nella mia biografia parlo di "risultati molto brillanti" (uno Z altamente significativo è un risultato molto brillante) relativi ad una mia ricerca, ma non ho mai affermato di avere ottenuto la validazione da parte della Scienza per quella specifica ricerca.
Queste cose ce le siamo già scritte e spero che non dovremo ripetercele all'infinito.
Comunque credo anche che non ci possano essere equivoci su ciò dato che conservo l'intera documentazione relativa  a quella sua gentile collaborazione.

Ciro Discepolo




Lo stesso Ciro Discepolo però ha fatto credere a tutti che i suoi risultati statistici fossero stati certificati dai professori universitari dell'Università di Napoli, come si può leggere qui.

Lo stesso André Barbault è stato raggirato da Discepolo, ed è per questo che cita la statistica di Discepolo nei suoi libri. L'intrallazzo c'è stato, e non si tratta di un sospetto, ma di una certezza, perché è lo stesso Ciro Discepolo che smentisce se stesso.

Qual è quindi il valore dell'astrologia?

Se dovessimo giudicare da questo episodio, l'astrologia non ha alcun valore.

Adesso sta agli astrologi dimostrare che l'astrologia non è una truffa, e questo compito spetta ad André Barbault prima che a chiunque altro. André Barbault faccia quei controlli che non ha fatto prima, e si metta in contatto con il professore universitario per chiedere direttamente a lui come stanno le cose, e poi scriva un articolo per spiegare cosa ne pensa di tutta questa faccenda.

Se non lo farà, gli astrologi penseranno che André Barbault sia complice delle mistificazioni di Ciro Discepolo. Io non credo che sia cosi', André Barbault è stato ingannato perché si è fidato delle bugie che gli ha raccontato Ciro Discepolo.

Adesso però spetta ad André Barbault chiarire queste cose.

Maurizio Tonino

sabato 13 ottobre 2012

Ciro Discepolo: Erano tutte balle!



Sembra che siamo arrivati al capolinea di una lunga diatriba che va avanti da qualche anno sulla rete e che vede come protagonisti Ciro Discepolo e Maurizio Tonino.

Ciro Discepolo ha più volte sostenuto che le sue statistiche sull'ereditarietà astrale avessero il bollino blu, ovvero che fossero state validate dalla scienza, mentre il Tonino sosteneva che queste statistiche non avessero tale legittimazione.

Nel file della email si legge che è lo stesso Discepolo che nega qualsiasi validazione da parte della scienza alle sue statistiche.

Ma allora perché ha sostenuto il contrario per tantissimo tempo?

E' solo una domanda retorica, non mi aspetto di ricevere delle risposte, perché per me la vicenda è conclusa.

Una volta che si è chiarito che queste statistiche non sono mai state validate dalla scienza, non mi interessa sapere altro. Se qualcuno nonostante questo, preferisce credere che i figli nascono frequentemente con l'ascendente uguale al segno del padre, è padronissimo di farlo, non è mia abitudine sindacare le credenze altrui. 

Nel file si leggono anche delle altre cose che non riguardano la statistica, ma la mia persona.
In merito a queste affermazioni, che giudico gravissime, per il momento mi limito a smentirle nel modo più categorico, non essendo questa la sede adatta dove discuterne. 

venerdì 12 ottobre 2012

Fidel Castro


Miami, 12-10-2012
La morte di Fidel Castro verrà annunciata fra tre giorni. Lo ipotizza Nelson Bocaranda, il giornalista venezuelano diventato famoso per aver rivelato al mondo intero il cancro di Hugo Chavez, il presidente del Venezuela appena rieletto. 

"Fra 72 ore sapremo della morte di Fidel Castro? Credo di sì", scrive Bocarando sul suo blog "Runrunes", mentre sul suo account Twitter sostiene che "si attende l'arrivo di Juanita Castro da Miami, su invito del fratello Raul, per un annuncio "familiare importante".



Fidel Castro (fonte: Astro.com)

lunedì 8 ottobre 2012

Françoise Gauquelin l'aveva detto!


Françoise Gauquelin

Voici à présent une description du meilleur groupe de contrôle possible. Il nous a été décrit par Jean Porte, Administrateur à l'INSEE et par conséquent excellent statisticien. Mais il requiert l'usage d'un ordinateur. On utilise le groupe même qui a donné des résultats, astrologiques en apparence, mais dont on veut vérifier s'ils ne seraient pas dus à des causes astronomiques ou démographiques ou à une erreur statistique. Chaque sujet du groupe expérimental garde ses données de naissance (jour, mois, année et lieu de naissance) mais son heure de naissance est attribuée au sujet suivant. Quand ceci a été fait pour tous les sujets du groupe, l'heure de naissance du dernier sujet étant attribuée au premier sujet du groupe, le groupe de contrôle a exactement la même composition astronomique et démographique que le groupe expérimental. Mais les heures décalées suffisent à en faire un nouveau groupe dans lequel aucune carte du ciel n'est identique à celles du premier groupe. 

Notre premier critique important, le Comité Para de Bruxelles, a utilisé ce type de contrôle pour vérifier que nos évaluations des corrections astronomiques et démographiques dans le groupe des champions de sport, le plus fort de nos résultats professionnels, étaient correctes. Dans ce but, l'heure de naissance de chaque sujet a été décalée neuf fois de suite, d'abord d'un cran, ensuite de deux crans, ... jusqu'à neuf crans. Les neufs contrôles, additionnés et divisés par neuf fois leur nombre total respectif, fournirent un contrôle moyen plus généralement valable que les contrôles intermédiaires. C'est donc là une méthode très sûre et aisément généralisable à toutes sortes de situations où un groupe de contrôle apparaît nécessaire.


Françoise Gauquelin


M. Ciro Discepolo chercheur statistique



In questo testo Françoise Gauquelin spiega cosa ha fatto nella sua statistica sui professionisti.
Ha creato dei campioni fittizi attribuendo a ciascuna data di nascita, l'ora di nascita della persona che seguiva nell'elenco, e poi di due posti dopo, tre, quattro... fino a nove posti dopo.
Ottenendo cosi' dei gruppi di controlli fittizi, che conservando le stesse date di nascita, e le stesse ore di nascita del gruppo originale, rappresentavano dei campioni affidabili della popolazione.

 Les neufs contrôles, additionnés et divisés par neuf fois leur nombre total respectif, fournirent un contrôle moyen plus généralement valable que les contrôles intermédiaires. 

I nove controlli, sommati e divisi per nove, forniscono un controllo medio generalmente più affidabile dei controlli intermedi.

Françoise Gauquelin dice chiaramente che bisogna fare la MEDIA dei risultati ottenuti nei gruppi fittizi (controlli).

Sommare i risultati ottenuti nei nove gruppi di controllo, e dividere il numero totale per nove, significa calcolare la media, il valore che si ottiene in questo modo è generalmente più attendibile di quello che si ottiene da un unico gruppo di controllo.

Il sistema adottato da Discepolo di mischiare le famiglie una sola volta, e di prendere come valore di controllo, il primo numero ottenuto, non andava bene, perché questi numeri non sono attendibili.

E nemmeno andava bene il metodo che Discepolo ha utilizzato in seguito, ossia quello di far mischiare diverse volte le coppie dal computer, per poi scegliere tra questi valori, quelli più bassi, in modo tale, da far sembrare alto il numero trovato nei campioni originali.

Come faccio a dire che Discepolo ha adottato proprio questo metodo?

Perché questo è l'unico metodo con cui si può trovare che le coppie padre/figlio, con l'ascendente del figlio uguale al segno del padre sono il 30% in più di quelle che dovrebbero essere, essendo il numero di queste coppie leggermente inferiore al previsto.