giovedì 28 gennaio 2010

Ereditarietà Astrale di Ciro Discepolo



Il signor Ciro Discepolo nato a Napoli 1l 17 luglio 1948 e residente a Napoli in via Gramsci 16 in data 28 gennaio 2010 scrive sul suo blog di non essere un bugiardo ed un buffone.

Prendo atto delle sue dichiarazioni.

Il signor Ciro Discepolo vorrebbe essere cosi' gentile da spiegare da cosa dipende l'apparente contraddizione contenuta tra le cose da lui scritte sul suo sito e sul suo blog?


Nel suo blog (21/04/09) ha scritto:
Per Al Rami. È una storia vecchia e l’ho scritta molte volte. Lo farò ancora una volta. Io e Luigi Miele lavorammo per anni e quando riuscimmo, con molte difficoltà, a ottenere una verifica del nostro lavoro da due importanti professori di statistica dell’Università, consegnammo loro tutto il nostro materiale, in originale.
I professori in oggetto dovettero lavorare mesi per realizzare, prima di tutto, un software in grado di leggere in automatico tutti i nostri file, e poi per applicare tutte le rigorosissime procedure di controllo/verifica del lavoro da noi portato a termine. Dopo di ciò pubblicarono una relazione, su carta intestata dell’Istituto di Statistica dell’Università di Napoli, in cui dichiararono, come chiunque può leggere, che il lavoro era OK, che non erano stati commessi errori in alcuna fase della ricerca (ipotesi di partenza, raccolta del campione, generazione veramente random del campione di controllo e via dicendo) e che i risultati erano altamente significativi dal punto di vista statistico.
In conseguenza di ciò, come abbiamo scritto più volte, ma lo ripetiamo per la centesima volta, detti professori, che ringrazio sempre per la loro apertura mentale e per la generosità con cui aiutarono dei ricercatori non appartenenti al Palazzo, furono perseguitati all’interno dell’Università e minacciati anche di licenziamento per avere “strizzato l’occhio all’astrologia”.
Per tale motivo noi non li abbiamo più disturbati e non ci siamo mai sognati di chiedere loro la restituzione dei nostri file e di tutto il materiale su cui avevamo lavorato.
La cosa non ci preme per i seguenti motivi:

- Negare la loro relazione significa negare la loro preparazione o, peggio, pensare che essi avessero interesse a favorirci con risultati falsi. A nostro avviso solo dei mentecatti potrebbero pensare ciò.
- Anche tutti gli originali dei coniugi Gauquelin, dopo essere stati vagliati da un importante professore di statistica della Sorbona che li trovò perfetti, furono e sono attaccati ogni giorno da tutti gli altri professori simpatizzanti del CICAP et similia per il semplice motivo che costoro, e anche gli astrologi invidiosi di non avere prodotto statistiche scientificamente valide, non riconosceranno mai tali lavori come probanti il funzionamento dell’astrologia.
- I grandi astrologi non hanno bisogno di esaminare quel materiale o gli altri materiali di Michel e di Françoise Gauquelin o di Didier Castille per il semplice motivo che la legge statistica dimostrata da me e da Luigi Miele era nell’ambito della ereditarietà astrale, conosciuta già da Keplero che la citò nel suo “De harmonice mundi”. I veri astrologi, e non quelli fasulli, la applicano tutti i giorni, come fa André Barbault che non manca di ripetermelo ogni volta che lo incontro, e come faccio anche io, quando desideriamo correggere un orario dubbio. Dunque, se qualcuno fosse distrutto dal dolore di non riuscire a leggere gli originali di quella ricerca, non ha da fare altro che replicare tale ricerca e, se non è un somaro, otterrà gli stessi risultati che abbiamo ottenuto noi o i Gauquelin sulle loro ricerche.

Pertanto, caro Al Rami, trovo assolutamente inutile disperarsi sulla questione e vorrei ricordarti che noi togliamo anche un Marte dalla dodicesima di RS senza ricevere, preventivamente, il viatico del CICAP o degli astromici e astrocani. Se tu pensi che il parere contrario dei nostri avversari possa essere un elemento di supplizio per te, forse è meglio che tu ti dedichi alla storia della seconda guerra d’indipendenza italiana, argomento sul quale credo ci sia quasi l’unanimità dei pareri.
Per quanto mi riguarda spero di non dover tornare mai più su tale questione perché vorrei utilizzare il mio tempo per nuove scoperte e non per ottenere altri viatici scientifici alle mie ricerche (dato che li possiedo già, con grande rammarico di molti)

Ciro Discepolo
.


Mentre nel suo sito scrive:
Questi ulteriori controlli furono poi fatti, dal prof. Luigi D'Ambra e dal dott. Francesco Mola, su tutte e tre le indagini qui citate ed in alcuni casi si ebbero dei risultati contraddittori. Vorremmo ripetere, però, che tutte e tre le indagini, processate secondo il metodo adottato dall'inizio, avevano dato risultati positivissimi e solo dopo centinaia e centinaia di controprove avevano rilevato dei risultati dubbi. Ci perdonino, allora, i due serissimi ricercatori, se noi - dal basso della nostra impreparazione statistica - ci permettiamo di avere questo dubbio: qualunque risultato statistico, anche il più valido in assoluto, sottoposto a centinaia di controprove, ne potrebbe dare una di segno opposto alle precedenti
...... ...... ......
Cosa possiamo concludere? Nulla se vogliamo attenerci alle regole della scienza che sono rigorosissime e che ci invitano ad ottenere altri continui risultati positivi alle nostre ricerche.
Ciro Discepolo






Il signor Ciro Discepolo mente quando scrive nel suo blog di aver dimostrato una legge di ereditarietà astrale e di aver ricevuto il viatico della scienza, oppure mente quando scrive nel suo sito di non avere ottenuto questo viatico?
Astromauh(Astromicio)

Dal blog di Ciro Discepolo II°




Dal Blog di Ciro Discepolo del 28 gennaio 2010

Un certo Astromauh continua a darmi del bugiardo e su di un portale pugliese, a proposito della denuncia penale che gli ho anticipato, mi dà del buffone asserendo che io non l’avrei mai presentata (anche di questo epiteto dovrà rispondere). Nel suo blog del 27 gennaio 2010 reitera la propria opinione secondo la quale io non avrei mai sporto denuncia e afferma che la dimostrazione starebbe nel fatto che egli non l’ha mai ricevuta.

Sì, perché egli pensa che avrebbe dovuto riceverla lui.

Non dovrei farlo, ma oggi mi sento generoso e siccome egli mi spinge in tale direzione, allora gli mostrerò la mia generosità nei suoi confronti, beccandomi una ramanzina dai miei avvocati, per dirgli che non si tratta di una denuncia, bensì di tre denunce di cui la prima porta la data di luglio scorso e dalla stessa trascrivo una piccola parte:

Io sottoscritto Ciro Discepolo, nato a Napoli il 17 luglio 1948, residente in Napoli viale Gramsci 16, cod, fis. DSC CRI 48L17 F839F, dichiaro di sporgere, come in effetti sporgo, formale denuncia-querela nei confronti del signor XXXXXXXX XXXXXX (conosciuto sulla rete Internet e sui blog con il nickname di Astromauh), domiciliato a Roma alla via xxxxxxx n° xx, responsabile dei reati consumati che la S.V. vorrà ravvisare nelle condotte denunciate per il quale si chiede espressamente la punizione penale ai sensi di legge e si riserva ogni ulteriore diritto, ivi compreso quello di costituirsi parte civile all’esito delle indagini preliminari.

... Espongo quanto segue… titolare e redattore di diversi siti Internet ovvero dei siti www.astrionline.com, www.astrionline.it e www.ephemeris.eu... Si identifica in Astromauh. Infatti, ad esempio il profilo http://www.blogger.com/profile/13238801083619456708 relativo ad Astromauh precedentemente si identificava in xxxxxxx e in diverse discussioni come xxxxxx xxxxxxxx. A questo indirizzo http://attivissimo.blogspot.com/2007/07/antibufala-locchio-di-dio.html l’utente xxxxxxx /Astromauh scrive: “La prova c’è, e sono io, XXXXXXXX XXXXXX, che l’ho trovata, mi resta soltanto da scriverla e pubblicarla sul mio sito: www.ephemeris.eu...

Seguono molte pagine di prove precise e circostanziate dell’azione di costui che, per mesi e mesi, giorno e notte, freneticamente, mi ha insultato, calunniato e diffamato innumerevoli volte, dimostrando che quella era la sua attività prevalente e giornaliera, quasi a tempo pieno….

Lo so che per lui si tratta di uno stress molto forte che durerà anni, quasi certamente, e non mesi, ma io ho fiducia nella giustizia e sono tranquillo che al 99% ci sarà una condanna penale che ci permetterà di passare, poi, alla causa civile per richiedere i danni morali e materiali nonché tutte le spese legali e processuali.

Credo, poi, che probabilmente dovrà affrontare anche i professori universitari che ha diffamato e iniziare con loro un’altra doppia coppia di processi (due penali e due civili).

Devo dire che anche lui mostra una certa generosità perché ogni giorno aggiunge nuove calunnie e diffamazioni al dossier ormai enorme in possesso della Magistratura e di ciò io e i miei legali lo ringraziamo.

Naturalmente non posso essere tanto “generoso” da elencargli anche i vari reati ai quali ci siamo riferiti e presso quali procure della Repubblica ho depositato da molti mesi le suddette denunce.

Per il momento è tutto, ma se come astrologo valgo qualcosa, avremo notizie legali di lui in tempi brevi.

Ciro Discepolo

================================

Ho sostituito il mio nome e cognome con xxxxxxxx xxxxxx per tutelare il mio diritto alla privacy che è stato violato dal signor Ciro Discepolo, in questa ed in precedenti occasioni, nonostante gli avessi inviato una email invitandolo espressamente a cancellare il mio nome e cognome dal suo blog.

Il signor Ciro Discepolo dovrà rispondere di questo e degli altri reati da lui commessi in sede penale e civile.

Il signor Ciro Discepolo mi accusa di averlo insultato, calunniato e diffamato, senza forse rendersi conto che cosi' facendo sta insultando, calunniando e diffamando me, perchè ciò che afferma è assolutamente falso.

La mie critiche sono rivolte ai suoi lavori statistici, e non alla sua persona e tantomeno ai professori di statistica da lui citati.

Critiche a cui il signor Discepolo, non ha mai risposto concretamente, ma che invece lo hanno portato ad insultarmi, ed ad inserire la censura nel suo blog, proprio per non essere costretto a rispondere in merito.

E' il signor Ciro Discepolo che afferma che i professori dell'università di Napoli, avrebbero in qualche modo avvallato i risultati della sua statistica, ma io questo non l'ho mai nemmeno pensato.

Gli errori contenuti nel libro on line "Osservazioni politematiche delle statistiche Discepolo Miele" sono estremamente puerili e denotano una completa ignoranza delle regole più elementari della scienza statistica, per cui è praticamente impossibile ritenere che gli autori della stessa, siano stati i professori di statistica citati da Ciro Discepolo, che dovrà assumersi la responsabilità delle proprie affermazioni.

Quello che ha scritto il professor D'Ambra nel libro on line, è una lezione introduttiva del significato delle statistiche in generale, mentre non ha scritto nulla riguardo la specifica statistica di Ciro Discepolo.

E' solo il signor Ciro Discepolo che vorrebbe far credere di aver ricevuto l'avvallo della scienza sui risultati della sua statistica, da parte di questi professori.

Consiglio al signor Discepolo di far citare dai suoi avvocati questi professori come testimoni della causa che dice di avermi intentato, cosi' sentiremo da loro come stanno veramente le cose, e se è vero oppure no che questi professori hanno certificato che il signor Discepolo ha trovato una prova statistica che dimostra la validità dell'astrologia.

Signor Discepolo, nemmeno un ragazzino delle scuole medie inferiori, commetterebbe gli errori di logica che lei ha commesso nella sua statistica.

Ho provato più volte a spiegarglielo, e se lei non è in grado di comprenderlo, purtroppo non c'è nulla da fare.

Andando contro il mio interesse personale, le auguro di dimostrare in tribunale che le conclusioni della sua statistica sono vere, e che lei ha effettivamente dimostrato che nascono più figli con l'ascendente uguale al segno solare del padre, di quanti dovrebbero nascere in base alle leggi del caso.

Lo dimostri in tribunale, dimostri di non aver ingannato i suoi lettori per 17 anni, dimostri che la sua statistica non è una pagliacciata.

Che gran giorno sarebbe per l'astrologia, se io ricevessi una condanna, perchè questo vorrebbe dire che le sue statistiche sulla ereditarietà astrale sono vere e che quindi l'astrologia è vera.

Purtroppo le sue statistiche sono solo una buffonata.

Astromauh
www.astrionline.it

mercoledì 27 gennaio 2010

Dal Blog di Ciro Discepolo



Dal Blog di Ciro Discepolo del 22 agosto 2009


Ancora per Al Rami e per Pasquale



Come saprete, quando vi è un’azione penale in corso, non è possibile entrare nel merito di talune questioni e occorre far fare, in pace, il lavoro alla magistratura.
A cose fatte potremo pubblicare un affresco completo della situazione e abbondare nei particolari.
Per adesso, e solo per voi e per i miei lettori, riporterò le righe che aggiungerò a giorni alla pagina web dove è possibile scaricare il libro Osservazioni.pdf.



A chiusura di queste brevi note, vorrei aggiungere poche osservazioni che sarebbero del tutto inutili in quanto già presenti nel libro che state per scaricare. Tuttavia alcuni potrebbero non comprendere la lingua inglese e neanche quella italiana e, allora, a beneficio di tutti, eccovi poche osservazioni utili soltanto ai meno dotati mentalmente.

Al prof. Luigi D’Ambra e al suo allora collaboratore dr. Francesco Mola, del Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università di Napoli, coautori del libro, non fu estorta la firma che essi apposero sotto la propria relazione, firmandosi con nome, cognome, qualifica accademica, istituto statistico di appartenenza e via dicendo. Questi due professori non si firmarono, come spesso avviene sul web, con nickname evocanti gatti, cani, bisce, serpenti, pish e altre cose del genere, ma con il loro nome e cognome.


A costoro io e Luigi Miele **non consegnammo il risultato dei nostri calcoli**, ma come si legge chiaramente alla pagina 24 del libro:


New Research on Astral Heredity
Analysis of 8,219 subjects
by Ciro Discepolo and Luigi Miele
(Statistical work by Dr. Francesco Mola and Prof. Luigi D’Ambra of the Department
of Mathematics and Statistics of the University of Naples)


Per chi non conosce l’inglese, questo vuol dire che **tutto** il lavoro di elaborazione statistica, dal controllo della ipotesi di partenza a quello di controllo sulla raccolta del campione e a tutto il resto, fu effettuato da loro in prima persona e non da noi.
A loro noi spiegammo il progetto e con loro discutemmo a lungo prima, durante e dopo ogni fase della ricerca.
Un punto fondamentale in un tipo di ricerca del genere è la scelta se tentare di calcolare il valore medio che ci si attende di ottenere e su questo elaborare i risultati oppure, per una serie fondamentale di ragioni, scegliere la strada della creazione di un gruppo di controllo. Non essendo io e Luigi Miele esperti di statistica (pur avendo studiato alcuni libri sull’argomento) ci lasciammo guidare dai professori D’Ambra e Mola che la statistica la insegnano, a tempo pieno, all’Università. Qualunque dilettante volesse criticare tale scelta, dimostrerebbe soltanto la propria profonda ignoranza e arroganza.


I professori D’Ambra e Mola scrissero la relazione conclusiva di questo lavoro evidenziando l’altissimo scarto significativo della variabile da noi scoperta e nota a tutti. La relazione la redassero in piena libertà e, se i professori D’Ambra e Mola preferirono esprimersi in termini di Z significativo e non di numero di casi, questa fu una loro libera scelta che non toglie o mette nulla al valore altamente positivo della ricerca in oggetto. Se qualcuno volesse obbligare i due esperti universitari di statistica a riscrivere tale relazione secondo i propri indici di gradimento, utilizzando alcune frasi al posto di altre e alcuni valori invece di altri, beh, forse dovrebbe sottoporsi a visita medica.

Naturalmente, chiunque volesse dire, o semplicemente insinuare, il sospetto che i professori in oggetto siano stati complici di una truffa statistica, ne dovranno rispondere davanti alla magistratura per quanto mi riguarda e, a sentenza definitiva e scritta, penso anche da parte degli altri interessati (per i dovuti calcoli di risarcimento economico).

Chi desiderasse replicare tale ricerca, potrà farlo liberamente, ricordando alcuni punti fondamentali:

- Non usando il gruppo di controllo random la statistica porta, inesorabilmente, a risultati errati, come anche un neofita di statistica capirebbe in questo caso e come i professori D’Ambra e Mola hanno indicato per tale specifico lavoro.
- Si assicuri che il proprio software utilizzato per i calcoli matematici sia esatto: per esempio, se si possiede un proprio sito web con calcoli online, si immettano questi dati: Vadso, Norvegia, 11/11/1977 alle ore 13. Se il grafico che si ottiene è senza Case oppure è con le Case Porphirio o Aequalis oppure l’output è, più semplicemente, un “out of range”, ciò vuol dire che chi si appresta a replicare tale ricerca sbaglierà tutti i calcoli perché utilizzerà un software che sbaglia i calcoli matematici.
- Una seconda prova per testare il proprio software è quella di provarlo, negli anni della seconda guerra mondiale, in zone dal regime orario critico (come la Linea Gotica in Italia e le zone di occupazione tedesca in Francia). Anche qui, se verrà segnata, per esempio, la semplice ora estiva per la Francia e non la doppia ora di guerra della Germania, il software sarà assolutamente inaffidabile e non significherà nulla il riferirsi al file Paris12.raw perché, se un software è errato, può esserlo in mille punti del proprio sviluppo. In proposito si possono confrontare documenti storici inoppugnabili che dimostrano quanto detto. Questo primo file potrà già offrire una prima panoramica del problema:

http://www.programmiastral.com/Documentazione/Compara.pdf


Ci sono, poi, molti altri errori in cui possibili colleghi potrebbero incorrere nel replicare tale ricerca o altre da noi effettuate e sempre sottoposte all’esame di esperti statistici (tranne quelle che diedero esiti negativi e per le quali non occorreva alcun sigillo di buona qualità).
Va da sé che se qualcuno commettesse alcuni di questi errori appena descritti, sarebbe già talmente squalificato per la propria ignoranza in materia che forse farebbe meglio ad astenersi dal fare ulteriori pessime figure citando, con sproporzionati analfabetismi grammaticali e matematici, altri differenti lavori.


Ciro Discepolo


Signor Ciro Discepolo,

ma quando mi arriva la sua denuncia?

Io ancora non ho ricevuto niente, ed avrei una certa urgenza.
Non le nascondo che l'appartamento di sua proprietà sito in via Gramsci mi interessa parecchio perchè essendo anch'io nativo di Napoli mi piacerebbe avere un piede-a-terre nella nostra bella città da cui manco da molto.

Penso che detto appartamento potrebbe essere un congruo risarcimento per tutte le calunnie da lei rivolte contro la mia persona e che ledono alla mia onorabilità e rispettabilità.

Le ripeto ancora una volta che la sua statistica sulla ereditarietà astrale è completamente sbagliata, e di conseguenza lo sono le sue conclusioni.

Non è vero che i figli nascono più frequentemente del dovuto con il segno ascendente uguale al segno solare del padre.

A parte la questione economica, sarei anche molto curioso di capire come mai lei continua a raccontare questa balla stratosferica.

Mi dica la verità, lei lo sa benissimo che si tratta di una balla, solo che non lo vuole ammettere per ragioni di interesse, avendo puntato molto sulla sua immagine di astrologo "scientifico".

Ma non lo sa signor Discepolo che il Diavolo fa le pentole ma non fa i coperchi?

Come sperava di farla franca?

Oppure è veramente convinto di aver ragione, lei pensa davvero di aver trovato una legge di ereditarietà astrale?

Non posso crederci, anche un ragazzino delle medie lo capirebbe, e lei non lo capisce?

Basterebbe la semplice lettura attenta del suo libro on line: "Osservazioni politematiche sulle statistiche Discepolo-Miele" per rendersi conto che la sua statistica è completamente sbagliata, ed in particolare la lettura del capitolo "Conferme dalla ter. indag." alle pagine 35-36.

Lei magari si chiederà perchè non mi faccio i fatti miei?

Perchè l'astrologia è un fatto mio, e lei con le sue statistiche fasulle porta discredito alla MIA astrologia.

Astromauh

martedì 26 gennaio 2010

l'astrologo misterioso



Nel suo blog del 25 gennaio 2010 Ciro Discepolo inveisce pesantemente contro un non meglio specificato astrologo che viene da lui soprannominato "l'idraulico".

Sarà giustificata tanta veemenza? Cosa avrà mai scritto costui, perchè Ciro Discepolo si senta attaccato e pensi di doversi difendere?

Non so chi sia questo astrologo misterioso e non so che cosa abbia scritto di tanto offensivo nei riguardi di Ciro Discepolo se mai l'ha fatto, da giustificare una reazione tanto spropositata ed isterica.

Nel suo blog Ciro Discepolo, dice che nell'articolo si parla di un esempio che aveva riportato in uno dei suoi libri, a proposito delle rivoluzioni solari mirate in cui viene analizzato l'anno vissuto da sua figlia partita per la RSM e da un'altra ragazza nata nello stesso giorno e circa allo stesso orario, che invece è rimasta a casa.

Ritengo che l'astrologo misterioso potrebbe essere lo stesso che ha citato questo stesso caso in un forum, che si può leggere qui.


Riporto una parte di ciò che si legge nel forum:


...
Insomma, evitare dei rischi, oppure fuggire da eventuali supposizioni, a mio avviso è un miracolo eccome,cosi, ecco che in un matrimonio in profonda crisi, vedendo un possibile Urano di transito in casa settima natale, e una rivoluzione solare con un ascendente in casa settima,vieni spedito lontano per cambiare rotta al pianeta e decidere che il divorzio non arrivi .
A mio avviso, è decisamente molto sospetto, è, in oltre, vedo ingabbiare una persona,che inizia ad ansimare due mesi prima del compleanno, cercando una rotta per variare il proprio destino ….
Fuggire, e solamente fuggire per una vita intera, vedendo gli astri, non più come fonte di comprensione e conoscenza, ma come una spada di Damocle, sopra la nostra testa, pronta ogni anno a tirarci disgrazie, o propiziarci.
Insomma, cattiva e buona stella, si ritorna a quel pensiero degli astri, come se fossero degli Dei, e dove gli umani, devono sopportare i loro capricci, che ora ti danno, poi ti privano a loro volere e capriccio.
Ed ecco pronto, che quando si prepara un ritorno da favola, ci si ritrova,magari delusi, perché prospettive e o effetti portanti non si sono verificati,dove la risposta entrante, è,che gli effetti positivi, non sempre sono di portata sensibile,e,che a volte sono solamente percettibili,se non addirittura innervati, ma,che tuttavia, lo scopo si è raggiunto, cioè,il non verificarsi di un cataclisma ipotizzato,ma che nella realtà,quel cataclisma nessun astro, ha mai accennato o voluto fare.
Fermo restante, che tale sistema dei ritorni, sono un utile tecnica di valutazione, ma,come ripeto, è l’approccio verso una forma mirata,che personalmente mi apre moltissimi dubbi e scetticismo.


Mi sembra che questo astrologo non si rivolge in maniera offensiva nei riguardi di Ciro Discepolo, ma che esprima semplicemente il suo parere sulla tecnica delle rivoluzioni solari, in un modo molto pacato e ragionevole.

Se si tratta effettivamente della stessa persona a cui si riferisce Ciro Discepolo, che diritto ha lui di insultarla?

O forse secondo Ciro Discepolo le persone non hanno diritto di pensare e di manifestare liberamente il proprio pensiero, se questo contrasta con le sue opinioni?


Io non so chi dei due abbia ragione a proposito delle rivoluzioni solari, noto semplicemente il comportamento incivile di Ciro Discepolo, che crede di poter insultare coloro che non la pensano come lui.


Inoltre mi chiedo, ma da dove viene la certezza di essere nel giusto che ha Ciro Discepolo, forse dal fatto di occuparsi di astrologia da molto tempo, o forse dal fatto di avere più di 60 anni?

Cosa gli fa credere di essere il detentore della verità, colui che ha capito tutto dell'astrologia e del suo funzionamento?

Su cosa basa la sicurezza che mostra nelle proprie convinzioni?

Sulla sua esperienza? Ma l'esperienza non basta se non è associata all'intelligenza.

Ciro Discepolo è riuscito a sbagliarsi in una statistica dove non c'era altro da fare che contare il numero dei figli e dei padri con lo stesso ascendente e segno solare.

Se è riuscito a sbagliarsi in una cosa cosi' banale come la sua statistica sulla ereditarietà astrale, credendo di aver trovato una relazione che è invece inesistente tra gli oroscopi dei figli e dei padri, come fa a pensare di non essersi sbagliato riguardo alle rivoluzioni solari, che sono decisamente più difficili da analizzare?

E perchè Ciro Discepolo non trova mai niente di meglio per difendere le sue opinioni sull'astrologia che dileggiare coloro che non le condividono?

In definitiva, quali sono le ragioni per cui le sue opinioni andrebbero considerate vere e false quelle degli altri?

Un metodo per dimostrare l'efficacia delle sue tecniche astrologiche potrebbe essere quello di fare delle previsioni che si avverano su dei personaggi pubblici, ma puntualmente queste previsioni si rivelano sbagliate.

E allora perchè dovremmo credere che Ciro Discepolo sia un astrologo, e che quell'altro sia un idraulico?

www.astrionline.it

lunedì 25 gennaio 2010

AstralDetector

AstralDetector
AstralDetector, il software di astrologia professionale di Ciro Discepolo funziona davvero?
L'immagine in alto mostra l'andamento reale delle azioni FIAT nel corso del 2009, mentre quella in basso è la previsione per lo stesso periodo ottenuta da Ciro Discepolo con Astral Detector.
E' evidenziato in giallo il periodo successivo al 1 giugno 2009, data in cui Ciro Discepolo ha pubblicato la previsione sul suo blog.
E' doveroso dire che Ciro Discepolo ha specificato che si trattava di un "esperimento" non essendosi mai cimentato in previsioni borsistiche prima di allora.
Comunque come spiega il signor Ciro Discepolo la discrepanza tra i due grafici che mostrano un andamento completamente diverso?
Il metodo utilizzato in questa occasione è esattamente lo stesso con cui vengono formulate le previsioni sui partiti politici e su tante altre cose, come mai allora in questo caso non ha funzionato?
So benissimo che i miei interrogativi sono destinati a rimanere senza risposta, al più mi aspetto di ricevere qualche nuovo insulto, essendo questo l'unico sistema utilizzato da Ciro Discepolo per rispondere alle critiche che gli vengono mosse.

lunedì 18 gennaio 2010

Attenti alle truffe



Il signor Ciro Discepolo non si limita soltanto a sostenere le sue stravaganti teorie astrologiche, ma ritiene anche di poter consigliare delle improbabili cure per il cancro, pubblicizzando sul suo sito alcuni video che trattano dell'argomento.

Seguendo i link suggeriti da Discepolo, si viene ad esempio a conoscere l'attività del signor Tullio Simoncini ex medico radiato dall'albo, che è stato condannato per omicidio colposo e per truffa, e che sostiene di poter curare il cancro con il bicarbonato.

Non esistono prove che attestino l'efficacia di queste cure, ed è per questa ragione che queste cure non sono state riconosciute.

Pubblicizzare queste cure, e voler far credere che il loro mancato riconoscimento da parte della medicina ufficale, sia dovuto ad una improbabile cospirazione, vuol dire mistificare la realtà.

Il motivo per cui Ciro Discepolo avvalla queste pericolose cure per il cancro è abbastanza comprensibile.

Egli stesso si ritiene vittima della cosiddetta "scienza ufficiale" che non ha riconosciuto le sue ricerche sull'ereditarietà astrale.

La verità è invece un'altra, le ricerche sull'ereditarietà astrale di Ciro Discepolo, non dimostrano nulla, ciò che dice di aver trovato non esiste, perchè mai la scienza ufficiale dovrebbe riconoscere l'esistenza di qualcosa che non c'è?

Dove sono i risultati delle sue statistiche?

In data odierna Ciro Discepolo ha risposto in questo modo a qualcuno che aveva trovato poco opportuno il fatto che lui suggerisse dei link a queste cure pericolose ed inefficaci:


Comunque, dato che sei così scientificamente illuminato, ti propongo anche io un argomento su cui riflettere.
Mi riferisco all’abiura che dovette pronunciare Galileo Galilei dopo essere stato torturato e quando dovette ammettere che “effettivamente era il Sole a girare intorno alla Terra…”.
Beh, risponderai: “È ovvio: si trattava della Chiesa non della Scienza”.
E io, allora ti faccio osservare che la Chiesa ha impiegato oltre tre secoli per chiedere scusa a Galileo Galilei mentre la Scienza non lo ha fatto ancora. Infatti Galileo Galilei, insieme agli altro quattro grandi astronomi dell’era moderna (Copernico, Kepler, Tito Brahe e Isaac Newton) era anche astrologo e la “Scienza” lo continua a negare, offendendo la memoria di questi grandi uomini al cui confronto gli astronomi di oggi sono solo dei pigmei.

Dal Blog di Ciro Discepolo 18 gennaio 2010

Galilei è stato condannato da coloro che detenevano il potere nella sua epoca, ossia dalla chiesa. Si è trattato di una condanna ingiusta, e su questo non ci sono dubbi.
Ma cosa c'entra Galilei con Ciro Discepolo o Tullio Simoncini?
Galilei viene ritenuto il padre del metodo sperimentale, e lui le prove delle sue affermazioni le ha portate a coloro che lo hanno condannato, li ha invitati a guardare nel suo cannocchiale.

Questo è proprio ciò che Ciro Discepolo non fa, lui pretenderebbe di essere creduto sulla parola, vorrebbe avere un riconoscimento da parte della cosiddetta scienza ufficiale, senza però mostrare le prove delle sue affermazioni.

Galilei si occupava di scienza e di astrologia, mentre Ciro Discepolo si occupa di pseudoscienza.

martedì 15 settembre 2009

Il nemico dell'astrologia

Il nemico dell'Astrologia

Dal Blog di Ciro Discepolo del 14 settembre 2009
Presto, come vedrai, nel mio sito (non nel blog) ci sarà uno spazio dedicato ai nemici dove inserirò, anno dopo anno, i dati identificativi di coloro che subiranno condanne a seguito di mie denuncie-querele. Fino all’anno scorso non l’ho mai fatto, ma da qualche mese ho deciso di agire così per rendere più vivibile alcune aree del web e per contribuire alla crescita dell’Unicef con i fondi sottratti a delinquenti di bassa lega.
Ciro Discepolo

Qui Ciro Discepolo sta chiaramente parlando di me, definendomi un delinquente di bassa lega, perchè in precedenza ha scritto di avermi denunciato, non ci sono quindi dubbi che si stia riferendo a me.

OK, registriamo l'insulto, e lo aggiungiamo alla lunga lista di insulti che ha già rivolto contro di me. Ad ogni suo insulto, ed ad ogni sua spudorata calunnia, aumenta l'entità del risarcimento che sarà costretto a rifondermi.

Non è certo insultandomi che potrà modificare i fatti, Ciro Discepolo si è inventato una correlazione insistente tra gli oroscopi dei padri e dei figli.

L'avrà fatto per imperizia, si sarà trattato di un errore?

L'avrà fatto per interesse, per acquisire un merito che non gli spettava?

Questo non lo so.

Quello che so, è che Ciro Discepolo non può sperare di vedere il proprio nome scritto in lettere d'oro nel memoriale del pantheon d'Urania, poichè al suo nome è legata una correlazione di eredità astrale inesistente.

Più deterremo delle correlazioni sicure, più si fortificherà il sapereastrologico. Ciro aggiunge una nuova maglia alla già pesante catena. Puòben sperare di vedere il proprio nome scritto in lettere d’oro nel memorialedel pantheon d’Urania, poiché al suo nome è legata una correlazione di ereditàastrale che tanto si addice ad un perfetto cancerino come lui, segno incui sono riuniti il suo Ascendente e il suo Sole.
Andrè Barbault

Andrè Barbault è stato tratto in inganno, perchè si è fidato di Ciro Discepolo e la sua fiducia è stata tradita.

Anche la fiducia di Michel Gauquelin è stata tradita dal suo amico Ciro Discepolo.

Michel Gauquelin gli aveva affidato il suo archivio di date di nascite laboriosamente raccolte, e lui l'ha ripagato inventandosi una correlazione inesistente che porta discredito al lavoro dello stesso Gauquelin.

Dire cosi come fa Ciro Discepolo nel suo libro on line, "Riflessioni politematiche sulle statistiche Discepolo Miele":

Questa statistica, riteniamo, si colloca, per importanza in campo astrologico, subito dopo quelle più famose di Michel e Françoise Gauquelin.

Significa denigrare il lavoro di Michel e Françoise Gauquelin, infangando la memoria di questi ricercatori che realmente hanno dato un contributo all'astrologia.

Le statistiche astrologiche sull'ereditarietà astrale di Ciro Discepolo sono solo una burletta, perchè non è vero che Ciro Discepolo ha scoperto qualcosa, e non è vero che esiste la correlazione che lui dice di aver trovato.

Ho rifatto la statistica, prendendo alla lettera la frase che si legge sul suo libro:

La replica è la linfa vitale della scienza,ed è irritante osservare come in astrologia pochissime delle scopete apparentemente significativesono state replicate.
H.J. Eysenck

La mia statistica basata su oltre 80.000 date di nascita, dimostra l'inesistenza della correlazione che lui dice di aver trovato.

Quali sono le reali motivazioni che mi spingono a denunciare questi fatti?

Ciro Discepolo insinua che le mie motivazioni siano dettate dall'invidia, ma questa ipotesi è illogica, perchè si può invidiare soltanto chi ha qualcosa in più di te, e Ciro Discepolo non ha nulla più di me.

Se è vero che lui è in buona fede, ed è arrivato a delle conclusioni sbagliate per imperizia, questo significa che ha delle scarse doti intellettive, se invece lo ha fatto consapevolmente per acquisire dei meriti che non gli spettavano, questo vuol dire che ha delle scarse doti morali.
In entrambi i casi non posso certo invidiarlo.

La vera motivazione che mi spinge a denunciare la falsità delle sue ricerche statistiche, è data dal fatto che l'astrologia mi interessa veramente, perchè per me l'astrologia non è un sistema per fare soldi, ma è una autentica passione.

Io non ce l'ho con Ciro Discepolo come persona, ma lui incarna tutto ciò che c'è di sbagliato nell'astrologia.

Se ad un astrologo è permesso di affermare di aver trovato una importante correlazione statistica che è del tutto inesistente, e se questo astrologo può continuare ad affermarlo per oltre un decennio senza che nessuno si prenda la briga di smentirlo, significa che l'astrologia è moribonda, ed io amo troppo l'astrologia per vederla morire senza far nulla.